NAPOLI. Secondo l’ex ras Gennaro Carra sarebbe stata lei a gestire parte della cassa del clan durante la detenzione del marito Salvatore Cutolo, alias “Borotalco”, indiscusso boss della “44” del rione Traiano. Tra le mani di Giuseppina Ostinato sarebbero così passati, in particolare, almeno 5mila euro al mese: soldi, neanche a dirlo, di provenienza illecita. Quelle stesse accuse che nella scorsa primavera avevano portato la 55enne agli arresti domiciliari, ieri mattina si sono però liquefatte davanti ai giudici della Cassazione.