NAPOLI. Una “stesa” finita in dramma nel cuore del pomeriggio a Barra. È successo intorno alle 18, quando due giovani su uno scooter hanno fatto fuoco in via Serino mirando in alto e un proiettile rimbalzando a terra ha colpito a un piede una 25enne incensurata, Federica Mignone: una passante che camminava con il fidanzato mano nella mano.

Proprio quest’ultimo, senza attendere l’eventuale arrivo dell’ambulanza, ha accompagnato la giovane donna al pronto soccorso dell’Ospedale del Mare, dove i sanitari hanno medicato e dimesso la vittima. Nel frattempo alla struttura sanitaria sono giunti i carabinieri della locale compagnia che hanno fatto scattare le indagini, seguendo principalmente la pista di un’intimidazione camorristica. Almeno per il momento sembrerebbe esclusa l’ipotesi di un agguato fallito.

Sicuramente, almeno secondo quanto hanno accertato gli investigatori fino al momento in cui il giornale è andato in stampa, non era la 25enne il bersaglio della sparatoria avvenuta sotto gli occhi di numerose persone in quel momento in strada. La zona è ritenuta sotto l’influenza del clan Aprea, che attualmente non sarebbe in guerra con altri gruppi malavitosi.

Una delle ipotesi però, non l’unica, è che la “stesa” di ieri possa essere collegata alle vicende di Ponticelli, dove si sono verificati “botta e risposta” tra i Casella e i De Martino, legati agli Aprea secondo quanto scrive la Dda nell’ultimo provvedimento restrittivo eseguito a Napoli est. T

ornando a quanto accaduto ieri, ecco la ricostruzione degli uomini dell’Arma.

I carabinieri della compagnia Poggioreale sono stati allertati dal personale sanitario e sono accorsi. Verso le 18 presso l’ospedale del Mare di Napoli si sono presentati un 26enne e la fidanzata 25enne, entrambi incensurati, la quale aveva una ferita d’arma da fuoco al piede con proiettile fuoriuscito. Nulla di grave per fortuna, tanto che il giovane era riuscito ad accompagnare la vittima con mezzi propri senza dover attendere un’ambulanza. I due giovani hanno riferito che poco prima, mentre passeggiavano insieme lungo via Serino 17, nel cuore del quartiere Barra,

avevano improvvisamente udito un trambusto e visto due uomini in sella a uno scooter sparare in aria con una pistola.

Uno dei colpi d’arma esplosi ha ferito al piede la donna, che ha sentito improvvisamente un forte bruciore e dal sangue ha capito di essere stata colpita. Le indagini, così come i rilevi, sono partite immediatamente da parte dei carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Napoli e dei colleghi della compagnia di Napoli Poggioreale. La “stesa” è senza dubbio un evento camorristico e da ciò hanno preso forma gli accertamenti.