NAPOLI. Il babybandito che la scorsa estate ha quasi ucciso in via Salvator Rosa la commerciante Patrizia Petrone confessa nell’udienza conclusiva del processo di primo grado celebrato con il rito abbreviato ed evita la stangata. Il gip del tribunale di Napoli ha inflitto a Luigi Frenna sette anni di reclusione, tre in meno rispetto alle pena invocata dalla pubblica accusa.