NAPOLI. Un giudizio di primo grado, decine di intercettazioni telefoniche e ambientali, oltre alle rivelazioni di ben cinque pentiti, non bastati a stabilire al di là di ogni ragionevole dubbio il vero movente del clamoroso raid di piazza Nazionale, l’agguato che un anno e mezzo fa era quasi costato la vita alla piccola Noemi.