Angelo ucciso dal Covid a 49 anni: lascia moglie e quattro figli. Disperazione in paese

Paese sotto choc per l'improvvisa perdita di Angelo Pascale morto a soli 49 anni, stroncato dal Coronavirus.

Dopo settimane di lotta contro il virus il cuore di Angelo si è fermato per sempre, ieri nell'area covid del Moscati. 

Tutti in paese avevano pregato e sperato perchè Angelo guarisse dal covid.

 

È morto, nella notte tra sabato e domenica

 Angelo Pascale, 49 anni, di Contrada, ricoverato nel Covid Hospital dell’Azienda ospedaliera Moscati dallo scorso 15marzo.

Angelo ha lottato per un mese e mezzo, intubato dopo una settimana dal ricovero e passando 38 giorni in terapia intensiva, ma l’uomo, molto conosciuto e stimato in paese alla fine ha perso la sua battaglia contro il coronavirus.

Lascia la moglie Carolina e 4 figli

 

Il ricordo del sindaco Pasquale De Santis

"La comunità contradese ha tanto sperato e pregato per la sua guarigione ma il male ha avuto il sopravvento, lasciando tutti attoniti e increduli.

Siamo tutti vicini all’ adorata moglie Carolina, ai quattro figli e ai parenti tutti in un abbraccio ideale e sentito".

Le parole del sindaco De Santis raccolgono il sentimento condiviso di una comunità distrutta per la tragica fine di un giovane padre di quattro figli. 

Sul social scorrono i ricordi di amici e parenti, che ricordano Angelo uomo sempre disponibile ad aiutare il prossimo.

Come Flavio che annota: "Ormai, caro Angelo, sei volato via. Il Signore ti ha voluto con lui. (...) Eri una persona disponibile sempre per tutti.

Ci hai lasciato senza nemmeno salutarci perchè questo maledetto virus ti ha strappato a noi, purtroppo non è andata così comunque resterai sempre nei nostri cuori.

Buon viaggio amico mio e veglia su tutti noi soprattutto sulla tua famiglia per me non è un addio ma solamente un arrivederci ciao Angiolè".

Anche Valentino ricorda: caro Angelo, eri un grande uomo. Per me un secondo padre. Mi mancherai tanto".

 

Pascale è tra le vittime più giovani, in Irpinia, dall’inizio della pandemia

Dieci giorni fa, il decesso di Cristina Mariconda, 43 anni, di Santa Lucia di Serino e a dicembre quello di Giuseppe Manfra, agente di polizia, 41 anni di Candida.

Le vittime irpine dallo scorso 15 settembre sono 286, mentre sono 388 dal mese di marzo del 2020.

In due mesi si sono contate 132 morti negli ospedali irpini.