Si allarga l'inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti indetti in Campania per fronteggiare l'emergenza Covid-19. Sono complessivamente 23 gli inviti a comparire notificati nell'ambito dei tre diversi filoni investigativi, che riguardano rispettivamente la realizzazione degli ospedali modulari a Napoli, Salerno e Caserta, la fornitura di mascherine per i bambini e un'ipotesi di peculato compiuta da personale sanitario.

Tra gli indagati figurano anche il direttore generale della Asl Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva, la dirigente dell'ufficio regionale di protezione civile Roberta Santaniello e il coordinatore dell'unità di crisi della Regione Campania per l'emergenza Covid, Italo Giulivo.

A Verdoliva, indagato nell'ambito del filone sulla costruzione degli ospedali modulari, sarebbero contestati i reati di turbativa d'asta e frode in pubbliche forniture, mentre Santaniello e Giulivo sono indagati per turbativa d'asta in relazione alla vicenda delle forniture di mascherine per bambini.

Gli interrogatori sono in corso in Procura, poi i magistrati titolari dell'indagine (pool formato dai pm Antonello Ardituro, Maria Di Mauro, Simone De Roxas ed Henry John Woodcock) decideranno in merito all'eventuale richiesta di rinvio a giudizio per le persone coinvolte.