NAPOLI. Momenti di tensione questa mattina all'ingresso di Castel dell'Ovo, a Napoli, dove è stata aperta la Cop21. Alcuni attivisti dei centri sociali napoletani, riuniti sotto la sigla Fridays For Future, hanno tentato di bloccare l'accesso al castello in segno di protesta contro quella che considerano «una passerella dei ministri dell'Ambiente» dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. «La Cop - assicurano gli attivisti attraverso un comunicato stampa diffuso dal centro sociale Insurgencia - sarà bloccata e contestata in ogni modo». Due attivisti sono stati fermati dalle forze dell'ordine che hanno rimosso il blocco. Gli attivisti hanno annunciato un presidio alla questura di Napoli «per esigere la liberazione dei due strikers. Alle 15 - concludono - saremo all'università per un'assemblea pubblica di restituzione della giornata».