NAPOLI. Per Gennaro Pelliccio, 39enne ritenuto legato al clan Contini e indagato nella maxi inchiesta sull’Alleanza di Secondigliano con 125 arresti a giugno scorso, si apre uno spiraglio importante. Grazie alla strategia difensiva dell’avvocato Beatrice Salegna la Cassazione ha annullato, con rinvio al tribunale del Riesame, la misura cautelare a suo carico. Sotto la lente d’ingrandimento dei giudici, che hanno accolto la tesi della penalista, è finita la contestazione a catena del reato nel periodo oggetto dell’indagine.