CASORIA. I carabinieri della stazione di Casoria hanno arrestato per coltivazione e detenzione di droga a fini spaccio Antonio De Rosa, 33enne del posto già noto alle forze dell’ordine. Troppe persone bazzicavano sotto casa del 33enne ed è per questo motivo che i carabinieri hanno voluto approfondire la vicenda. Perquisita la sua abitazione con le relative pertinenze i militari insieme ai carabinieri del nucleo cinofili di Sarno hanno trovato in un locale in uso a De Rosa una vera e propria serra artigianale perfettamente organizzata ed efficiente.
Sistemi di illuminazione e irrigazione, concimi e vario materiale per la coltivazione, una tenda per l’essiccazione e una lista (affissa al muro) contente il piano di fertilizzazione per la coltivazione delle piante con tanto di istruzioni per la corretta fioritura.
Rinvenute e sequestrate 12 piante di marijuana, 12 fusti di piante già private delle infiorescenze e 64 grammi di marijuana essiccata. Ma i controlli dei militari non son terminati nella “serra”. I carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato a carico di ignoti ben 53 grammi di marijuana che erano stipati all’interno di una cassetta per la posta all’interno del  condominio dove abita il 33enne.
Durante le operazioni i militari hanno scoperto anche che de rosa ed altri 5 nuclei familiari, che abitano in altrettanti appartamenti del palazzo, avessero un allaccio abusivo alla rete elettrica: 6 le persone denunciate per furto di energia elettrica. I carabinieri di casoria insieme a personale della società di distribuzione elettrica hanno quindi constatato che De Rosa - con l’allaccio abusivo – non solo alimentasse la sua abitazione ma anche la serra.
L'uomo è stato rinchiuso in carcere in attesa di giudizio.