La Giunta comunale di Napoli, su proposta del sindaco Gaetano Manfredi, ha approvato una delibera con prelevamento dal fondo di riserva di circa 83mila euro per finanziare la messa in sicurezza mediante la realizzazione di un percorso protetto temporaneo, del camminamento di Castel dell'Ovo, nei pressi degli ascensori, dove si sono verificati distacchi di frammenti di tufo.

Il crollo ha causato la chiusura del Castello al pubblico dalla mattinata di ieri, giovedì 14 aprile. La spesa per l'intervento di messa in sicurezza sarà anticipata dal Comune di Napoli ma resterà a carico dell'Agenzia del Demanio attraverso la compensazione con le indennità di occupazione o canoni ancora dovuti dal Comune.

«Per tutelare uno straordinario patrimonio della città, abbiamo deciso di finanziare immediatamente lavori di urgenza a Castel dell'Ovo in attesa di regolamentare la nuova convenzione con il Demanio ed il Ministero della Cultura, enti con cui è in corso una fattiva interlocuzione», il commento del sindaco Gaetano Manfredi.