NAPOLI. Lo scandalo dei concorsi truccati scoppiò il 15 novembre scorso con 14 arrestati, sia pur ai domiciliari, tra cui 3 poliziotti penitenziari, un caporal maggiore dell’esercito e un vigile urbano. Già ieri è stata emessa la prima sentenza al termine di un processo per 6 imputati che hanno scelto il rito abbreviato. Tre i condannati e altrettanti gli assolti, tutti accusati a vario titolo di aver partecipato al giro di corruzione. L’indagine della procura di Napoli verteva su presunte tangenti in relazione ai concorsi pubblici per accedere alle forze armate.