NAPOLI. 5.916 persone identificate e controllate; 4 persone arrestate; 10 denunciati a piede libero; 259 servizi di vigilanza in stazione; 35 passaggi a livello controllati; 11 contravvenzioni elevate; 63 convogli scortati; 25 servizi antiborseggio.

Questi  i risultati  dei controlli straordinari svolti durante la settimana europea dedicata alla sicurezza ferroviaria,  dal 7 al 14 settembre 2020, denominata 4^ Rail Action Week, che ha visto impieganti  oltre 700  operatori della Polizia Ferroviaria.

I controlli hanno coinvolto le principali stazioni della Campania ed in particolare  la stazione di Napoli Centrale dove, in sinergia con il personale di rinforzo della Questura di Napoli, gli uomini della Polizia Ferroviaria hanno operato unitamente ad Unità  Cinofile  antidroga, antisabotaggio e ordine pubblico, allo scopo di mettere in campo una massiccia attività di prevenzione, senza tralasciare, ovviamente, il continuo impegno per garantire l’osservanza delle norme di contenimento per l’emergenza epidemiologica del Covid-19.

La campagna dedicata alla sicurezza è stata promossa dall’Associazione RAILPOL che, nell’ambito della collaborazione internazionale di Polizia, ha organizzato la “4^ settimana RAW (Rail Action Week). In particolare, sono stati intensificati i servizi di prevenzione e sicurezza volti a contrastare i fenomeni dell’attraversamento binari, dei danneggiamenti alle strutture ferroviarie, dei comportamenti anomali in ambito ferroviario, del trasporto irregolare di merci pericolose e altri fenomeni di illegalità diffusa in ambito F.S.

L’iniziativa del Compartimento Polfer della Campania ha previsto nei giorni 8 e 9 settembre, l’allestimento di due gazebo nelle stazioni di Napoli Centrale e Salerno dove il personale della Polizia Ferroviaria ha svolto una campagna informativa con la distribuzione di brochure riportanti utili consigli sulla sicurezza ferroviaria e sui comportamenti corretti da tenere in ambito ferroviario.

Preziosa è  risultata l’attività di collaborazione assicurata dal personale della Protezione Aziendale di F.S. Italiane che, con l’ausilio di un moderno sistema di videosorveglianza, consente di monitorare in tempo reale, H/24, le stazioni e le aree ferroviarie maggiormente sensibili.  

Le attività operative sono state supportate anche dall’utilizzo di smartphone che consentono, tramite lettura ottica del documento, una identificazione immediata del soggetto sottoposto a controllo.

Il tutto costantemente monitorato dal Centro Operativo Compartimentale della Polizia Ferroviaria che, mediante i sistemi di geo-localizzazione delle pattuglie e la remotizzazione delle immagini delle stazione, ha coordinato il dispositivo di sicurezza.

In particolare, un 45enne napoletano, è stato tratto in arresto dagli agenti del Settore Operativo della Polfer di Napoli Centrale nella mattinata dell’8 settembre in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli dovendo scontare una pena di 2 anni e 1 mese di reclusione per reati in materia di stupefacenti.

Nella serata del 12 settembre, un 40enne di San Giorgio a Cremano è stato sottoposto a  fermo di indiziato di delitto per rapina aggravata ai danni di un viaggiatore commessa qualche giorno fa in Piazza Garibaldi.

Ieri sera la Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento, in servizio in abiti civili, ha tratto in arresto, due noti pregiudicati, un 43enne, di origini siciliane ma residente a Napoli, e un 24enne, casertano, per furto aggravato in concorso consumato ai danni di una viaggiatrice nel piazzale antistante la stazione.

Nella stessa settimana dedicata alla sicurezza, altre dieci persone sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria per tentativi di furto, nonché resistenza, oltraggio, minacce e lesioni a pubblico ufficiale e ad incaricato di pubblico servizio, danneggiamento e clandestinità