Denise Pipitone, segnalato profilo su Instagram: «Sono io e abito a Milano»

La drammatica storia di Denise Pipitone ha profondamente scosso la sua famiglia, riaprendo un dramma che molti credevano sepolto.

Purtroppo, il programma televisivo russo “Let them talk” ha riaperto una ferita che non si era mai chiusa nella vita della madre, Piera Maggio.

 

Purtroppo, però, le speranze di ritrovare la sua bambina, scomparsa nel lontano 2004 a Mazara del Vallo sono cadute nel vuoto.

Olesya Rostova, la ragazza che stava cercando la sua famiglia naturale dopo essere cresciuta in orfanotrofio, si è rivelata non essere la piccola Denise. Gli esiti del Dna ne hanno dato proprio ieri la conferma definitiva.

Ma ora giunge una novità, che probabilmente è legata a quanti tentano di speculare sul dolore altrui.

E' comparso su Instagram un nuovo profilo: “Denise_Pipitone_official”.

 

Il profilo fake

Si tratta quasi sicuramente di un profilo fake, su cui toccherà adesso alla Polizia postale fare chiarezza e identificare gli eventuali responsabili.

Forse la bravata di qualche adolescente o di un mitomane che ha deciso di speculare sulla vicenda della bimba tornata alla ribalta dopo la trasmissione russa che ha parlato della storia di Olesya Rostova.

La presunta Denise Pipitone, sempre su Instagram, ha promesso ai suoi followers non solo di farsi vedere in pubblico con calma, bensì anche di dare spiegazioni in futuro in merito alla faccenda.

Non ci sono foto su questo profilo, tranne l’immagine corrispondente alla ricostruzione realizzata circa lo scorso luglio del 2020 dalla procura di Marsala, nella quale Denise avrebbe 20 anni.

La persona che si nasconde dietro il profilo con il il nome della bambina scomparsa diciassette anni fa e dichiara di essere proprio Denise, ormai cresciuta.

 

Da poco sbarcato su Instagram, il profilo ha già superato rapidamente i mille followers in meno di 24 ore.

Nella bio si legge: “Sono la vera Denise“ e un cap, 20121, di Bastioni di Porta Venezia a Milano.

L’utente, poi, ha caricato una sequela di stories, inserendo anche un box domande per rispondere ai vari quesiti e interrogativi che le vengono posti.

In una delle storie che ha postato si legge: “Ragazzi vi spiego tutto. Allora, sono la vera Denise anche se potreste non crederci”.

Prosegue “Ho deciso di fare chiarezza una volta per tutte. Quello che è successo, è successo quando io ero molto piccola. La verità è che non so se Piera è la mia vera madre”.

Continua: “Comunque volevo solo dire che qua sto bene e ho tutto quello che mi serve e sinceramente non voglio andare da nessuna parte.

Comunque voi non sapete niente della mia storie e quindi non potete giudicare, dopo tutto questo tempo ho deciso di fare luce sulla questione. Io sto bene comunque, non preoccupatevi”.

È molto probabile che si tratti di un profilo fake. Sono già partite le indagini della Polizia postale, per fare luce sulla vicenda.

 

Denise Pipitone, il presentatore russo: "Rifarei tutto"

"Io se tornassi indietro rifarei tutto”. Sono le parole di Dmitry Borisov, presentatore della trasmissione televisiva russa che ha sollevato il caso di Olesya Rostova e la possibile connessione alla sparizione di Denise Pipitone, intervistato oggi su Rtl 102.5. "La cosa importante - ha detto Borisov - è che Oleysa trovi la felicità, esaudendo il suo desiderio che è una cosa molto seria: è spettacolare se trovasse la sua famiglia, ma non sicuramente spettacolo. La tv deve essere al servizio del cittadino".

Proprio ieri sera è andata in onda la trasmissione tv dove è stata confermata la notizia che circolava ormai da ore, per cui Oleysa Rostova non è Denise Pipitone, e l’annuncio è arrivato senza dover aspettare il test del Dna, ma dall’analisi del solo gruppo sanguigno, che è differente. Sullo stato d’animo di Piera, la mamma di Denise, il presentatore ha dichiarato: "Sarei dispiaciuto in egual modo per tutte quelle famiglie che hanno pensato fosse un suo parente, noi abbiamo solo cercato di aiutarle".

 

Denise Pipitone, «Il gruppo sanguigno di Olesya è diverso»

Il gruppo sanguigno di Olesya, la ragazza russa, è diverso da quello di Denise Pipitone, la bimba sparita da Mazara del Vallo il primo settembre 2004.

Lo fa sapere il suo legale, Giacomo Frazzitta, che ieri ha registrato la trasmissione, in onda adesso, nella quale è stato reso noto che il gruppo sanguigno non corrisponde a quello della bambina.

Questa mattina il legale si è recato in Procura a Marsala (Trapani) a depositare tutta la documentazione su Olesya Rostova, che gli è arrivata l'altro ieri pomeriggio via mail dal suo legale russo, poco prima di registrate la trasmissione.

La trasmissione è in onda sul primo canale russo. E Frazzitta è collegato via Skype, anche se la trasmissione è stata registrata l'altro ieri pomeriggio.

"Ho voluto sapere il gruppo sanguigno di Olesya dopo di che lo confrontiamo con quello di Denise. Non stiamo parlando del Dna.

Avete voluto fare lo show e ora diteci il gruppo sanguigno", ha detto l'avvocato intervenendo alla trasmissione della tv russa. "Se il sangue non è dello stesso gruppo sanguigno è inutile fare l'esame del Dna", ha detto ancora l'avvocato.

"Siamo veramente dispiaciuti che il gruppo sanguigno di Olesya non sia quello di Denise. Era un passaggio fondamentale da fare", ha affermato ancora Frazzitta aggiungendo: "Adesso sarà la Procura di Marsala ad occuparsene".