NAPOLI. Prima le campane a Mezzogiorno, poi "Napul'è" affacciati ai balconi. La domenica dei napoletani alle prese con l'emergenza sanitaria del Coronavirus ha un ritmo lento e scandito da piccole cose che in pochi giorni sono diventati riti quotidiani. Oggi c'è un bel sole che invoglia a stare all'aperto. Ma i napoletani sono disciplinati. Le strade sono deserte. Il sole si prende sui balconi. Mentre in lontananza l'altoparlante del furgocino della Protezione civile, che sta girando tutti i quartieri cittadini, continua a dire: "Restate in casa. E' consentito uscire solo per casi di necessità o per lavoro - ripete la voce - per la spesa, deve uscire una persona soltanto".