NOLA. La Guardia di Finanza di Nola ha eseguito un decreto di sequestro preventivo per 4,4 milioni di euro nei confronti di una società attiva nell'area nolana nel settore del commercio all'ingrosso e al minuto di profumi e cosmetici. I rappresentanti legali pro tempore della società sono indagati per i reati di omessa dichiarazione, dichiarazione infedele e occultamento o distruzione di documenti contabili. Dalle indagini coordinate dalla Procura di Nola e culminate nel decreto emesso dal gip del Tribunale nolano, è emerso che i due rappresentanti legali della società hanno presentato una dichiarazione infedele ai fini delle imposte sui redditi e dell'imposta sul valore aggiunto per gli anni d'imposta 2014, 2015 e 2016, determinando un'Ires evasa complessivamente pari a 1,9 milioni di euro e un'Iva evasa complessivamente pari a 1,8 milioni di euro. Inoltre la società ha omesso di presentare la dichiarazione ai fini dell'imposta sul valore aggiunto per gli anni d'imposta 2013 e 2017 determinando un'Iva evasa pari a 570.817 euro, occultando o distruggendo l'intero impianto contabile. La Guardia di Finanza ha sottoposto a sequestro somme di denaro giacenti sui conti correnti della società e degli amministratori, altri rapporti finanziari, beni mobili e immobili fino alla concorrenza della somma di 4.463.184,61 euro indebitamente sottratta all'Erario.