“Il G20 balla sul Titanic, salviamo il Pianeta: Jatevenne". Questo lo striscione che apre il corteo anti G20 partito da piazza Dante e che si sta dirigendo lungo via Toledo verso la zona a ridosso di piazza del Plebiscito, in parte interdetta al traffico veicolare e al passaggio dei pedoni per lo svolgimento del G20 ambiente, clima ed energia a Palazzo Reale. Molti manifestanti espongono cartelli con le foto di discariche abusive di rifiuti tra le province di Napoli e Caserta. 

Il corteo sta procedendo lungo via Sant'Anna dei Lombardi in direzione di via Monteoliveto. Cordoni delle forze dell'ordine in assetto antisommossa bloccano il transito su via Toledo, all'altezza di piazza Sette Settembre, e a piazzetta Monteoliveto, per impedire l'accesso nella zona a ridosso di Palazzo Reale dove si svolge il G20. 

CORTEO BLOCCATO, TENSIONE CON LA POLIZIA. Più di 600 manifestanti sono fermi in Piazza Bovio. Un imponente schieramento di forze dell'ordine impedisce al corteo di proseguire attraverso via De Pretis. I manifestanti hanno lanciato palloncini d'acqua contro gli agenti schierati in tenuta antisommossa, che non hanno risposto alla provocazione. Un elicottero sorvola la piazza per controllare il corteo dall'alto. 

Dopo i momenti di tensione il corteo degli antagonisti è fermo in piazza Bovio, dove al microfono si alternano per brevi interventi esponenti delle diverse sigle. Ma molti hanno abbandonato il corteo ed i manifestazioni sono ridotti a circa 300.