Trafugato dal Gran Caffè Gambrinus il trench del Commissario Ricciardi, il personaggio nato dalla penna dello scrittore Maurizio de Giovanni. Si trattava di una copia, donata dalla storica sartoria Canzanella, che rendeva ancora più suggestivo l'angolo dedicato a Luigi Alfredo Ricciardi all'interno della sala, proprio dove il commissario si concede una pausa tra caffé e sfogliatella, come indicato nei romanzi ambientati negli anni Trenta.

Fortemente voluto dai fratelli Antonio e Arturo Sergio e da Massimiliano Rosati, proprietari del locale storico, l'impermeabile era stato sistemato sull'attaccapanni il 13 luglio proprio accanto al fotografatissimo tavolino.

«Siamo rimasti molto male - racconta Antonio Sergio -. Il capo aveva un valore simbolico essendo una copia. Su chi può essere stato davvero non abbiamo idea, solo che ieri il locale era molto affollato anche da stranieri». Il trench beige con l'interno a quadri, era simile a quello indossato anche nella trasposizione televisiva dall'attore Lino Guanciale.