NAPOLI. È martedì il giorno designato per l’ennesimo rimpasto di Giunta annunciato da Luigi de Magistris. Ieri è stata un’altra giornata di lunghe consultazioni al Municipio: quasi tutti i protagonisti dei cambi (quelli in entrata) sono passati dal secondo piano di Palazzo San Giacomo per fare il punto della situazione. Al termine della giornata, ma la situazione è ancora molto fluida, è Marco Gaudini il più quotato per raggiungere la poltrona da assessore. Sul suo nome, a differenza delle altre ipotesi, non ci sono ostacoli da parte della maggioranza arancione.

Ancora non assicurata, invece, la nomina del sindacalista Usb e attivista del centro sociale Zero81 Giovanni Pagano, vicino a Laura Bismuto. Sarebbe in corso la discussione sulle deleghe da affidargli e non ci sarebbe piena condivisione tra l’attivista e l’amministrazione. Tra l’altro sulle scelte pesa il fatto che, fatta salva l’ala clementiana (maggioritaria in Dema in questo momento), ampie parti della maggioranza non vedono di buon occhio il cambio. Stesso discorso vale per l’ingresso del presidente del Consiglio comunale Sandro Fucito nel ruolo di vicesindaco che sarebbe in standby.

Nel caso in cui l’ipotesi dovesse tornare in auge, a rischiare sarebbe proprio Enrico Panini. L’attuale vicesindaco potrebbe essere dirottato in Città Metropolitana come Capo di Gabinetto, con Pietro Rinaldi pronto ad andare alla Mostra d’Oltremare. Un’ipotesi che, però, al momento non è in campo, perchè, come detto, in queste ore sono due i cambi previsti nel rimpasto: Gaudini e Pagano per Buonanno e Raffaele Del Giudice, altro assessore che rischia il posto. Panini, però, potrebbe comunque perdere l’incarico di vicesindaco in favore di Carmine Piscopo.

Il sindaco, comunque, sarebbe determinato a trovare soluzioni alternative per tutti gli assessori che sono sulla porta, il cui lavoro è apprezzato dall’amministrazione ma che pagherebbero lo scotto di logiche politiche. L’idea di fondo dietro al rimpasto, infatti, è quella di rafforzare Alessandra Clemente e i suoi all’interno di Dema e soprattutto in vista delle prossime elezioni comunali.

Oggi sarà un’altra giornata di incontri importanti per chiudere il cerchio. E ieri è arrivata anche una richiesta di incontro da parte di Mario Coppeto, capogruppo della Sinistra, che ha mostrato in queste settimane la propria contrarietà al rimpasto di Giunta e vuol conoscere motivazioni ed eventuali cambi prima che questi avvengano definitivamente. Si attende un fine settimana caldo al Municipio, in cui sciogliere gli ultimi nodi per chiudere l’operazione rimpasto.