NAPOLI. Macchiarsi di un delitto atroce per iniziare la scalata al vertice della camorra afragolese ed entrare, già da giovanissimo, nel grazie dell’indiscusso capoclan Luigi Moccia: «Con un gesto anche della testa mi disse che doveva essere ucciso. Questo ragazzo si chiamava omissis e lo eliminai io personalmente».