NAPOLI. Dietro la guerriglia scatenata dall’Alleanza di Secondigliano in terra romagnola non c’era un movente di stampo mafioso. Fu, sì, un’azione “militare” finalizzata a contrastare il gruppo criminale egemone tra Rimini e dintorni, ma non fu una questione di camorra.