Il nucleo Port State Control della Capitaneria di Porto di Napoli ha emesso due provvedimenti di fermo amministrativo per una nave portacontainer battente bandiera liberiana, in sosta nel porto di Napoli per operazioni commerciali, e per una nave bulk carrier battente bandiera bahamense, che trasporta grano. A bordo delle due unità sono state rilevate numerose deficienze, delle quali alcune particolarmente gravi, attinenti sia aspetti strutturali sia problematiche relative alle condizioni di vita a bordo. Le carenze riscontrate riguardano in generale la sicurezza della navigazione, il rispetto di regolamenti comunitari sullo smaltimento di navi, l’antinquinamento e le condizioni di vita e di lavoro a bordo. Le navi detenute hanno terminato le operazioni commerciali di sbarco, ma sono state autorizzate a lasciare il porto di Napoli solo successivamente ad un’ulteriore ispezione di verifica volta all’accertamento della rettifica delle carenze riscontrate. Salgono a tre le navi fermate nel Porto di Napoli dall’inizio dell’anno, periodo che ha visto uno sforzo ispettivo del nucleo Port State Control che ha focalizzato l’attenzione su una particolare categoria di unità, oggetto di specifico obiettivo del Comando generale del corpo delle Capitanerie di Porto, volto al contrasto al fenomeno delle navi "sub–standard" che, in difformità alle convenzioni internazionali, navigano con gravissimo rischio per la sicurezza della navigazione e dell’ambiente marino, nonché per la sicurezza e per le condizioni di vita del personale navigante.