AVELLINO. Oltre 150 fedeli si sono recati sabato al Santuario di Montevergine attratti dal fascino della liturgia tradizionale del rito romano antico, detto anche tridentino. L’occasione è stato il Pellegrinaggio #Tridentina 2019, organizzato dai Coetus Fidelium, i Gruppi stabili di fedeli che diffondono la Messa in latino, della Campania. Nella cripta del Santuario il teologo e liturgista, monsignor Nicola Bux, ha celebrato la Messa in terzo, assistito da don Giorgio Lenzi dell’Istituto del Buon Pastore, diacono, e da don Giuseppe Laterza, religioso della Congregazione di San Gaspare del Bufalo, suddiacono. L’accompagnamento musicale è stato affidato all’Ensemble “Musica Perduta”, formato Renato Ciscuolo, Antonio Stefano Sembiante, Andrea Belardi, Vincenzo Bianco, il servizio liturgico è stato diretto dal cerimoniere Joseph Cuchet, seminarista dell’ Istituto del Buon Pastore. Dopo la cerimonia monsignor Bux ha risposte alle domande dei fedeli sul significato dalle liturgia e sul momento che sta vivendo la Chiesa cattolica in una conversazione guidata da don Giuseppe Laterza nella chiesa di San Nicola di Bari, a Summonte.