Dopo la piazza anche via Nolana viene liberata. Dopo anni di incuria e di abbandono, in cui sono proliferati abusivismo e parcheggio selvaggio, finalmente l'antica strada che unisce corso Umberto con la Vesuviana di corso Garibaldi, frequentata da migliaia di pendolari ogni giorno, è stata restituita al sano commercio e al passeggio.

Un risultato impensabile ottenuto grazie alla perseveranza della polizia Municipale della stazione San Lorenzo guidata dal Capitano Alfredo Marraffino e dai suoi agenti che oltre ai loro compiti hanno iniziato un'opera di sensibilizzazione della cittadinanza al bello di questa città. Sinergia vincente anche tra il maresciallo Maurizio Zobel, l'assessore Luigi Petroli e i commercianti della zona che hanno collaborato all'operazione di sgombero.

Basti pensare inoltre che durante il ponte del Primo Maggio visite guidate di turisti si sono organizzate per ammirare l'arco di Porta Nolana. Un passo importante per la rinascita di un quartiere che sembrava irrecuperabile.