NAPOLI. Un benzinaio-spacciatore con le mani molto bene in pasta negli affari criminali della zona collinare avrebbe fornito ai ras del clan Cimmino una serie di informazioni riservate al fine di allargare il giro di estorsioni della cosca. Ed è così che nel mirino sarebbero finiti addirittura i lavori per il restyling dello stadio Collana. Parola dell’ormai ex capoclan Luigi Cimmino, da poche settimane passato, dopo una vita da camorrista di rango, tra le fila dei collaboratori di giustizia.