Parte da oggi, in occasione della chiusura delle scuole per l'allerta meteo a Napoli, la didattica a distanza a Il Nuovo Bianchi nell'ambito del Programma #ScuolaSicura, il protocollo nato per creare un modello anti contagio da mettere a disposizione anche delle altre scuole e sperimentare le più innovative tecniche e procedure ed i prodotti più all'avanguardia per garantire la sicurezza degli alunni e del personale.

La didattica a distanza è un ulteriore tassello della scuola primaria paritaria, rilanciata come istituto bilingue nel 2019 dagli ex alunni con il sostegno della Fondazione Grimaldi, con l'obiettivo di generare una realtà educativa d'eccellenza per la proposta formativa e, contemporaneamente, garantire la medesima educazione alle fasce meno fortunate di Napoli.

La partenza della didattica a distanza coincide con l'aver cablato tutte le aule e dotato tutti gli studenti un pc Chromebook configurato con tutte le protezioni di sicurezza per tutelare i bambini nell'utilizzo dei mezzi informatici.

«Con quest'anno la didattica a distanza - dichiara il dirigente scolastico Angela Procaccini - diventa uno degli elementi caratterizzanti della nostra offerta per permettere ai bambini di non perdere lezioni e poter svolgere il programma nei tempi necessari per metabolizzare i temi studiati. Questa mattina gli studenti seguiranno da casa le lezioni nelle giornate delle allerte meteo e tutte le volte che sarà necessario. Grazie ad un importante investimento la scuola è stata totalmente cablata e riusciamo a far frequentare con la dad anche studenti che per ragioni sanitarie, a partire dal Covid, devono stare a casa sia per brevi che lunghi periodi».

«Dallo scoppio dell'emergenza sanitaria a marzo e dalla conseguente chiusura delle scuole siamo passati in pochi giorni alla didattica a distanza ed ora abbiamo accolto gli studenti a settembre nel modo più sicuro possibile. - continua la Procaccini - Il Nuovo Bianchi dal suo rilancio ha puntato, nel suo piccolo ad essere una sperimentazione nel mondo della scuola e oggi aggiungiamo un altro tassello per la sicurezza dei bambini e dei lavoratori. Il “Nuovo Bianchi” intende ancor più ampliare le risorse culturali ed educative utili al percorso formativo dello studente, favorendo l'elemento sociale garantendo la formazione anche ai bambini appartenenti a fasce meno fortunate della società con l'obiettivo di dare opportunità di riscatto sociale attraverso l'istruzione».