NAPOLI. Domani 12 settembre alle ore 16, alla presenza dell'assessore allo Sport Ciro Borriello e di Corrado Grasso Presidente Provinciale Fidal, sulla rinnovata pista d'atletica dello Stadio San Paolo, Napoli rende omaggio al grande Pietro Mennea. Esattamente 40 anni fa, il 12 settembre 1979, Mennea stabilì il record del mondo in occasione dell'Universiade di Città del Messico col tempo di 19"72, un record oggi detenuto da Usain Bolt ma che è ancora il record europeo sulla distanza e, conseguentemente, anche primato italiano. Per ricordare il grande campione di Barletta, tra le ore 16 e le 18 saranno corse numerose batterie dei 200 metri, dagli allievi di dieci anni fino ai senior di 60: questo il tributo al grande campione da parte del Comune di Napoli e delle associazioni sportive aderenti la Fidal, che utilizzano la struttura (8 palestre e la pista di atletica), per un totale di oltre 2500 atleti che giornalmente praticano circa trenta attività, dall'atletica leggera, al judo, al Karate, al Kung Fu,Tai Chi, Aikido, Taekwondo, fino alla Boxe e al Fitness (sala pesi e corsi vari).

Numerosi sono gli atleti che si allenano al San Paolo, che non è quindi solo il tempio del calcio: sportivi di caratura mondiale nelle arti marziali e negli sport di combattimento, anche con importanti tecnici e giudici  nel Taekwondo (Luigi Signore, Stefano Camardella, Daniele Barone e Gabriele Varella ), nel Karate (Imma Vacca e Francesco Persico), nel Kung Fu (Gianni Mattei, Giorgio Rainone, Luca Ferrante e Mattei Miriam) e nella Boxe (Danny Cotena).

Nell'atletica l'Hippos Campi Flegrei è la squadra che da più anni è presente nell’impianto di Fuorigrotta mentre il Cral 2016 è figlio dello storico Centro Ester. Dal 2014 è presente anche l'Enterprise che ha conquistato 11 scudetti, con 5 atleti nei gruppi sportivi militari, con i detentori del record italiano under16 nella staffetta svedese (100-200-300-400m), in finale scudetto nel 2019 sia con la squadra assoluta che con quella Under23 ed Under18, unica squadra campana con atleti che hanno vestito la maglia azzurra all'Universiade di Napoli (Samuele Cerro nel Salto Triplo - Francesco Fortunato nella Marcia). Figli della pista del San Paolo anche Andrea Romani ed Alessandro Sibilio, azzurri di alto livello, campioni del mondo Under20 nella staffetta 4x400 a Tampere nel 2018.