NAPOLI. Nel giudizio di primo grado quei sei secondi di registrazione gli sono valsi la pena dell’ergastolo. Adesso, sempre quello stesso elemento indiziario, potrebbe aprire uno spiraglio al fine di ribaltare il verdetto.