NAPOLI. I bombaroli del clan De Luca Bossa verso la stangata giudiziaria. Il processo di primo grado che si sta celebrando con il rito abbreviato, e che vede alla sbarra Luigi Austero e Luca La Penna, entra nel vivo con la requisitoria del pubblico ministero della Dda e per i due imputati si profila uno scenario poco confortante. La Procura, forte del quadro indiziario fin qui raccolto, ha infatti chiesto al gip di condannarli a 10 anni di reclusione a testa. Prima il terrore che hanno seminato nell’intero quartiere, poi le manette e infine l’avvio del processo di primo grado.