Divieto di avvicinamento alla moglie e ai luoghi da lei frequentati e obbligo di mantenersi a una distanza non inferiore ai 500 metri dalla stessa, nonché divieto di comunicare con la donna "attraverso qualsiasi mezzo". Questa la misura cautelare applicata nei confronti di un 35enne beneventano in esecuzione di un'ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura sannita.

L'uomo è ritenuto gravemente indiziato dei delitti di maltrattamenti, violenza sessuale, violenza privata e lesioni personali nei confronti della moglie.

Le indagini hanno ricostruito le violenze fisiche e morali perpetrate dall'uomo nei confronti della moglie, accompagnate dalla minaccia di danni più gravi qualora la donna avesse raccontato a qualcuno delle violenze. La donna inoltre sarebbe stata costretta a subire ripetuti rapporti sessuali non consenzienti.

A novembre 2021 l'ennesima aggressione fisica dopo la quale la donna si è rivolta ai Carabinieri e ha lasciato l'abitazione coniugale con il supporto della propria famiglia. I Carabinieri della stazione di Benevento che hanno eseguito l'ordinanza hanno proceduto anche all'immediato ritiro di un'arma regolarmente detenuta dal 35enne nonché del relativo titolo di polizia, con avvio di procedimento amministrativo a Prefettura e Questura per i provvedimenti inibitori del caso.