È il “pizzo” di Natale secondo alcuni investigatori mentre per altri si tratterebbe di scaramucce tra famiglie di malavita dei Quartieri Spagnoli per vecchie storie. Il dubbio resta ma un fatto è certo: ai Quartieri Spagnoli si respira nuovamente aria di tensione dopo il secondo raid in 36 ore: prima in via Emanuele De Deo a ridosso di via Toledo, poi in via Conte di Mola in direzione di piazza Concordia. E poco importa se i proiettili utilizzati in entrambe le occasioni erano finti: l’importante è che capisca chi deve capire.