NAPOLI. Estorsioni a tappeto per mantenere il controllo del rione Kennedy di Secondigliano, condannati anche in secondo grado i rampolli del clan Cesarano e i loro soci in “affari”.