"Nello Stir di Caivano è partita la prima linea per la trasformazione di ecoballe in combustibile secondario solido che dovrà essere utilizzato nelle centrali elettriche o in altri impianti di termovalorizzazione nel resto d'Italia. Questo è un altro passo in avanti nel programma di eliminazione delle ecoballe dal territorio della regione Campania".

Lo annuncia il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che questa mattina ha visitato l'impianto nel comune di Caivano (Napoli).

"Complessivamente - ricorda De Luca - avevamo 4,3 milioni di tonnellate di ecoballe stoccate negli ultimi 30 anni. Ne abbiamo già trasportato fuori regione circa 1 milione di tonnellate. Ne rimangono 3,3 milioni. E uno sforzo gigantesco perché in questi anni il mercato dei rifiuti si è chiuso in tutto il mondo, quindi è diventato complicato trasportarli fuori regione".