NAPOLI. Sarebbero stati acquistati grazie ad attività illecite e così sono finiti nel mirino della magistratura. Nei giorni scorsi poi, i poliziotti della sezione Misure di prevenzione patrimoniali dell’anticrimine della questura di Napoli, che hanno condotto gli accertamenti, hanno eseguito il decreto emesso dal Tribunale partenopeo sequestrando 2 appartamenti nel centro di Napoli ad altrettanti pregiudicati ritenuti contigui ai Mazzarella di Forcella: Antonio Esposito, 46enne, e Raffaele De Vincentiis, 54enne soprannominato “Lello ’o quercio” e attualmente detenuto.