NAPOLI. Dice di essere un «miracolato» Vincenzo Carmine Leone, l’avvocato di San Giovanni a Teduccio, che era in kayak con Cristina Frazzica quando un’imbarcazione li ha speronati uccidendo la donna. La sua testimonianza sarà fondamentale per cercare di rintracciare la barca che ha travolto e ucciso la sua amica. «A quelle persone direi: costituitevi, perché sicuramente si sono accorti di quello che era accaduto».