Un giovane ucraino di 21 anni affetto da una grave neoplasia al rene e al fegato è stato salvato all'Istituto Pascale di Napoli. Il tumore era stato scoperto nel gennaio 2021 e in Ucraina era stato sottoposto a un primo intervento, che aveva avuto esito negativo a causa di una forte emorragia. La madre, che già da diverso tempo lavorava a Napoli, si è attivata affinché il figlio potesse raggiungerla.

Lo scorso marzo il giovane è arrivato al Pascale, nell'ambulatorio di tumori neuroendocrini. Ad occuparsi del caso sono stati gli oncologi Salvatore Tafuto e Alessandra Bacigliano, secondo i quali il tumore era troppo esteso per prevedere un secondo intervento. Dopo la Pet e la scintigrafia si è deciso quindi di sottoporlo a terapia radiometabolica, che ha cominciato a dare i primi risultati a luglio 2021 quando il direttore della Medicina nucleare, Dino Lastoria, ha effettuato la seconda Pet e dal referto si è notata un'iniziale riduzione della massa tumorale. Si è deciso così di avviare il giovane a una terapia a 28 giorni e visita di controllo ogni 3 mesi con analoghi della somatostatina.

Vista la stabilità della malattia, dopo la terapia il suo caso è stato ridiscusso al tumor board per una possibile rivalutazione chirurgica. Visionate le immagini della tac e della risonanza magnetica, l'equipe della Chirurgia epatobiliare diretta da Francesco Izzo ha deciso che vi siano i presupposti per un secondo intervento chirurgico. L'intervento è durato 8 ore e mezza, durante il quale al giovane sono stati asportati il surrene e il rene destro, il settimo segmento epatico e un lembo di vena cava che poi è stata ricostruita. Dopo 48 ore di terapia intensiva, il paziente è stato trasferito in reparto in ottime condizioni. Da alcuni giorni è a casa, dove continuerà le cure.

«Questo brillante risultato è stato possibile grazie alla collaborazione e dedizione di tutti i gruppi coinvolti, un vero approccio multidisciplinare oggi indispensabile per la presa in carico dei pazienti oncologici», commenta il direttore sanitario del Pascale, Maurizio Di Mauro.