NAPOLI. Circondato da un gruppetto di fedelissimi Vincenzo Criscuolo, ras di salita Capodimonte che aveva sfidato i potenti Mauro di Materdei, aveva escogitato uno dei più originali stratagemmi per importare cocaina. Si era messo in testa di “pittare Napoli di bianco” e la droga arrivava persino negli indumenti intimi, in strisce di tessuto inserite nelle coppe dei reggiseni.