L’auto del sacerdote anticamorra Luigi Merola è stata danneggiata da ignoti. A rivelarlo, in un post sulla pagina Facebook della Fondazione “'A voce d’’e creature” è lo stesso prete. «Non è la prima volta che accade - dice don Merola - ma non ci fermeranno. Proprio ora che abbiamo avuto notizia che il bene confiscato che ospita la Fondazione è stato condonato, e il Comune ha modificato il proprio regolamento dandoci la possibilità di rimanere in questa sede per altri venti anni, accade questo. Evidentemente la camorra vuole sfrattarci. Ma noi non molliamo».