Una nube nera ormai avvolge gran parte della Valle Caudina e il fumo denso e tossico e' arrivato anche nel Napoletano e nel Casertano. L'incendio divampato nel primo pomeriggio all'interno dello stabilimento Sepa nel nucleo industriale di Airola e' ancora in atto. Si avvertono forti esplosioni e le fiamme hanno ormai avvolto tutta l'azienda. Bruciano bancali di legno e materiale plastico. L'aria e' irrespirabile e i sindaci dei comuni caudini, sia sul versante sannita, sia sul versante irpino hanno emesso avvisi di allerta per la popolazione invitando tutti a chiudersi in casa, a non uscire e a mantenere le finestre chiuse. Ma nella zona dell'incendio ci sono abitazioni civili e la paura ha preso il sopravvento, in tanti stanno lasciando gli edifici vicini allo stabilimento, cercando riparo anche fuori dalla zona. Sul posto stanno lavorando diverse squadre dei vigili del fuoco del comando provinciale di Benevento, ma si attendono rinforzi anche da altre province. Sul posto anche il vice sindaco di Airola Michele Napoletano, che non esita a definire "drammatica" la situazione. Non e' ancora possibile stabilire cosa abbia innescato il rogo. bisognera' attendere che le fiamme vengano spente per cominciare ad acquisire gli elementi utili a ricostruire quanto accaduto. Non ci sarebbero feriti perche' il rogo e' divampato in una zona dell'azienda adibita a deposito e tutte le maestranze al lavoro sono state subito allontanate.