NAPOLI. Ama la bella vita e vuole fare il cantante, ma nel frattempo si arrangia come pusher. Arrestato dalla Polizia all’esterno della stazione centrale. La sua massima aspirazione è fare il cantante, soprattutto perché quello è un mondo che, a suo dire, gli permetterebbe di fare la “bella vita”. E nel frattempo, poiché il successo tarda ad arrivare, ha pensato di “arrangiarsi” vendendo droga fuori dalla stazione centrale di Napoli. Un’attività che gli permette guadagni facili, con poco sforzo, ma soprattutto  gli consente di dedicarsi a quella “bella  vita” dal tenore così alto che gli sarebbe risultato un po’ difficile da mantenere svolgendo un lavoro onesto.

Il giovane cittadino extracomunitario, che canta musica dai ritmi raggae ed ha all'attivo qualche video su YouTube che ha raggiunto le 500 visualizzazioni, nella serata di ieri è stato arrestato dagli agenti del Compartimento Polizia Ferroviaria mentre spacciava sostanze stupefacenti nelle pertinenze della stazione centrale di Napoli.  I poliziotti avevano notato quel ragazzo che, sia negli atteggiamenti un po’ spavaldi, che nel modo di vestire griffato, risultava un po’ diverso dai frequentatori abituali della stazione centrale e hanno iniziato l'attività di osservazione che si è conclusa nel preciso istante in cui l'uomo ha ceduto, in cambio di un corrispettivo in denaro, una dose di marijuana. L’acquirente, una ragazza tedesca residente a Napoli,  ha acquistato una bustina di 1,5 grammi di sostanza stupefacente; bloccati entrambi dagli agenti, l’extracomunitario è risultato in possesso di altre bustine di stupefacente, del peso complessivo di 4 grammi, che analizzato presso il Gabinetto della Polizia Scientifica di Napoli, è risultato essere marijuana.  Condotti negli Uffici della Polizia Ferroviaria, a carico del gambiano sono emersi numerosi precedenti penali specifici. Il giovane, oltre ai precedenti per spaccio, per mantenere il suo stile all’altezza del tenore di quella vita che tanto lo affascina, è stato sorpreso anche diverse volte ad effettuare furti di abbigliamento griffato in centri commerciali.

Su disposizione del pm di turno presso il Tribunale di Napoli, il giovane, tratto in arresto e sottoposto nella mattinata odierna al giudizio direttissimo, è stato condannato ad otto mesi di reclusione con sospensione condizionale della pena e al pagamento della multa di 1.200 euro. La ragazza sorpresa ad acquistare la marijuana è stata invece segnalata alla Prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti.