"Nell’incontro di oggi al Mise" sulla vertenza Whirlpool "il viceministro Todde, che ha presieduto la riunione, ci ha detto che l’impegno del Governo è quello di garantire la continuità occupazionale e quindi di scongiurare i licenziamenti anche attraverso provvedimenti straordinari; tale impegno è stato poi confermato dal ministro Orlando, intervenuto a fine incontro". È quanto si legge in una nota congiunta Fim, Fiom e Uilm nazionali. "In pratica il ministero dello Sviluppo economico delinea l’intenzione o di anticipare la costituzione del Consorzio o di costituire un altro soggetto finalizzato a traghettare i lavoratori al progetto di rilancio del sito, fermo restando la necessità di una collaborazione da parte di Whirlpool e più in particolare la conferma della disponibilità già dichiarata ad effettuare la cessione di azienda. Occorre passare rapidamente dagli impegni politici ai provvedimenti concreti e ci aspettiamo che ciò avvenga già al prossimo incontro di lunedì 25. Al ministro Giorgetti, in partenza per gli Usa, chiediamo anche di incontrare i vertici della multinazionale. Nei prossimi giorni ci saranno assemblee informative in tutti gli stabilimenti del gruppo, venerdì 29 ottobre è indetto uno sciopero nazionale con manifestazione a Varese. Sarà una manifestazione non solo contro la decisione della multinazionale di avviare i licenziamenti, ma finalizzata a rivendicare un piano industriale per tutti gli stabilimenti italiani, e anche rivolta al Governo italiano, affinché assumano atti conseguenti alle promesse fatte".