"Gettasti i lenzuoli, apristi le finestre, ci riempimmo di stelle..." Con questi versi del celebre poeta greco Ghiannis Ritsos, il neo assessorato all'Istruzione, alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli ha invitato il mondo dell'arte e della cultura e i cittadini tutti a celebrare insieme l'appuntamento annuale del Maggio dei Monumenti che giunge quest'anno alla 27ª edizione.

«Tutto è mutato in questi mesi di pandemia ma non l'urgenza di vivere la città e il suo immenso patrimonio storico artistico materiale e immateriale, cura, ancor di più ora, per gli occhi, per il cuore, per la mente, per l'anima - si legge nella presentazione diffusa sui canali di comunicazione di Palazzo San Giacomo -. La delicatezza di questi poetici versi di amore ci condurrà idealmente e fisicamente alla scoperta e riscoperta della bellezza della città e dei suoi talenti artistici, risvegliando la voglia di vedersi, di passeggiare, di ascoltare, di emozionarsi, in una piazza, nei vicoli, di fronte a un monumento, guardando oltre l'orizzonte che tanto si è stretto in questi mesi di chiusura e paura».

«È ora di ricominciare, “di gettare i lenzuoli, di aprire le finestre, di riempirmi di stelle..." di ricominciare a sognare, leggeri, dopo tanto buio e di farlo insieme, ritrovando quel senso di comunità che solo la cultura identitaria di questa città e la sua bellezza riusciva a rendere una fortezza inespugnabile di fronte a ogni tempesta, passata- si legge ancora -. Gli eventi in calendario si svolgeranno a partire da domani 1° maggio, principalmente nei week end, e sono il risultato di un lavoro fatto in collaborazione con le guide turistiche, le imprese, le scuole, le associazioni, gli Enti, le case editrici indipendenti, le Fondazioni, gli Istituti di Cultura, i piccoli teatri e spesso anche i singoli artisti che hanno saputo mettersi in gioco proponendo performance e spettacoli, incontri culturali, passeggiate e più in generale una serie di attivita' (il cui elenco e' consultabile sul sito del Comune di Napoli) da svolgersi prevalentemente all'aperto e in armonia con le misure di sicurezza richieste dall'emergenza epidemiologica». 

Sempre da domani sul sito www.premiogreencare.org/mappa-parchi-giardini-campania-felix/ sara' possibile scoprire le passeggiate tra i giardini segreti del cuore di Napoli. Come da tradizione infine c'è stata la collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Napoli e il corso di Design della Comunicazione. Il design grafico scelto per la manifestazione "Maggio dei Monumenti 2021" è il frutto del lavoro svolto da 150 studenti tra il triennio e il biennio di Design della Comunicazione.

La selezione finale dei lavori è di: Gaia Zuccaro, Federica Dias, Adriana Cillo, Aurora Carabotti, Deborah Innosa, Federica Cozzolino, Carmen De Luca, Daniela Calicchio, Annalisa Improta, Vincenza Galiano, Claudia Patrone, Ludovica Di Ronza e Valerio Sannino. Il progetto è stato curato dalla professoressa Enrica D'Aguanno, coordinatrice del corso e docente di Design della Comunicazione dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, insieme alle colleghe Ivana Gaeta, docente di Graphic Design, Daniela Pergreffi, docente di Illustrazione, Chiara Del Luongo, docente di Computer Graphic con Ester Vollono.

Con l'Accademia è stato immaginato quest'anno anche un Contest/Caccia al tesoro dal titolo "Scopri le stelle" che metterà in palio 50 shirt per chi riuscirà a scoprire nei manifesti affissi in città e a bordo dei treni della metropolitana della Linea 1 una stella stilizzata nascosta ad arte tra le immagini: un selfie con la stella "scoperta" sarà la prova valida per aggiudicarsi il premio.

«Riconquistare la possibilità di aggirarsi nella bellezza, di passeggiare non per lavoro o necessità ma perché è una conquista dei sensi e della mente, rientrare in una chiesa e in un museo, ascoltare e godere di musica e spettacoli all'aperto. Il programma del maggio recupera accanto alla dimensione del virtuale, che non disdegna, quella dei corpi reali, ed è figlia dello sforzo collettivo di tanti, compagnie artistiche, guide turistiche, associazioni. Ringrazio enti e istituzioni culturali e universitarie, la sovrintendenza e quanti hanno insieme a noi gettato il cuore oltre un ostacolo che solo dieci giorni fa sembrava insormontabile.

È un'offerta per tutti i gusti e le età, nei più bei luoghi di Napoli, che dà respiro al classico e al contemporaneo. Non era facile, ma ci siamo», dichiara l'assessore all'Istruzione, alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli Annamaria Palmieri.