NAPOLI. La Banca d'Italia ha messo a disposizione di soggetti impegnati nel contrasto al coronavirus sull'intero territorio nazionale un primo contributo straordinario di 20,9 milioni. Quattro di questi, su impulso del componente del Consiglio superiore Marco Zigon e in accordo con la filiale di Napoli, sono stati destinati alla Regione Campania che li ha destinati alla realizzazione di nuovi posti di terapia intensiva a Salerno e Caserta. «Con questa decisione la Banca d'Italia ha voluto mostrare la sua vicinanza alle Istituzioni, al Sistema sanitario e alla popolazione - spiega Zigon -. Ogni sforzo e' utile per combattere un nemico invisibile che attenta alle vite umane e piega la nostra economia».