L'Abi (Associazione Bancaria Italiana) ha lanciato un allarme riguardo alla recente stretta sul Superbonus, un provvedimento che potrebbe avere conseguenze gravi per l'economia italiana. Le nuove restrizioni riducono significativamente l'ambito di compensazione per le banche, il che potrebbe portare famiglie e imprese a situazioni di default.

“Il Superbonus, introdotto per incentivare la riqualificazione energetica degli edifici, ha finora rappresentato una leva per il rilancio del settore edilizio e per la promozione della sostenibilità. Tuttavia – sottolinea Giovanni Lombardi Stronati, presidente dell'Osservatorio europeo sui capitali d'investimento -, con la recente stretta normativa, le possibilità di compensazione dei crediti d'imposta per le banche si sono ridotte drasticamente.

Senza la possibilità di cedere i crediti agli istituti di credito, i soggetti beneficiari potrebbero non essere in grado di sostenere i costi dei lavori di riqualificazione energetica, con un conseguente aumento delle difficoltà finanziarie”.