BARI – Supportare e incentivare le nuove imprese femminili che propongono innovazioni ad alto contenuto tecnologico. È l’obiettivo di LiFE, il percorso di accelerazione rivolto alle startup innovative con una compagine composta almeno per il 50% da donne di qualunque età e nazionalità, che sviluppano o intendono sviluppare soluzioni applicabili nei settori Stem - Science, Technology, Engineering e Mathematics.

Secondo gli ultimi dati di Unioncamere, al 2023 sono 1 milione e 325mila le imprese femminili in Italia, il 22,2% del totale del sistema economico nazionale, ancora al di sotto della media europea (30%).

Il divario di genere nel mondo delle imprese si evidenzia anche per il tasso di sopravvivenza a 5 anni che per le imprese femminili è più basso di quello delle imprese maschili (72,1% contro 77%). Inoltre, le imprese femminili hanno più difficoltà nel reperire investimenti e finanziatori, perché ancora culturalmente percepite come più rischiose.

Il 2023 ha fatto invece registrare un sensibile aumento di imprese femminili in attività professionali, scientifiche e tecniche, che passano dal 19,7% del 2022 al 20% nel 2023 (dato che emerge dal rapporto tra imprese femminili e totale delle imprese).

Con l’obiettivo di stimolare e rafforzare l’imprenditorialità innovativa femminile legata a specializzazioni nelle aree Stem, Fondazione Emblema - l’impresa educativa che punta a supportare i giovani nell’inserimento professionale anche attraverso la creazione di startup – ha lanciato, in partnership con Invitalia, l’Agenzia nazionale per lo sviluppo, il programma LiFE, realizzato nell’ambito di “Imprenditoria Femminile”, il programma gestito da Invitalia e finanziato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy con fondi PNRR.

LiFE è stato presentato questa mattina al BaLab dell’Università degli Studi di Bari e punta a diventare un laboratorio permanente sull’imprenditoria femminile, con molte attività che vanno oltre il percorso di accelerazione.

Nelle scorse settimane sono state selezionate 10 startup provenienti da 7 regioni che parteciperanno a un percorso di accelerazione con attività mirate a validare e sviluppare il modello di business, a rafforzare le competenze manageriali delle imprenditrici, a sviluppare il fatturato, a identificare partnership, a generare contatti, opportunità e relazioni industriali, commerciali o finanziarie.

“I dati sull’imprenditoria femminile in Italia definiscono un gap importante in termini quantitativi, qualitativi e di sopravvivenza - spiega Tommaso Aiello, presidente della Fondazione Emblema -. Per questo, il progetto LiFE si propone di accompagnare 10 startup a prevalenza femminile nella loro crescita e nei primi passi sul mercato, con la speranza che possano rappresentare dei modelli di riferimento per tante giovani donne, soprattutto per quelle che si sono specializzate in percorsi tecnico-scientifici”.

In programma webinar di approfondimento, incontri con imprese e investitori e un Demo day che si terrà all’interno della Borsa della Ricerca, in programma a Catania dal 21 al 23 ottobre.

“Il percorso di accelerazione LIFE risponde in maniera mirata alla necessità di ridurre il divario di genere nei settori più innovativi e tecnologici del nostro Paese ed è per questo che rientra tra gli interventi previsti dal programma “Imprenditoria Femminile”, che ha l’obiettivo più ampio di rafforzare il livello di partecipazione delle donne al mercato del lavoro – dice Luigi Gallo, responsabile incentivi e innovazione di Invitalia.

Con il programma puntiamo a sviluppare l’attitudine imprenditoriale, a rafforzare le competenze delle future imprenditrici e a promuovere i valori e le carriere Stem tra le donne, superando un ostacolo alla crescita economica del Paese e un limite alla realizzazione personale di molte donne. Vogliamo contribuire a far nascere una nuova classe di donne manager o imprenditrici che sappiano creare imprese più sostenibili, innovative e competitive”.

A conclusione del percorso, una Commissione - composta da rappresentanti del MIMIT, di Invitalia e di Fondazione Emblema – valuterà i 3 migliori progetti per fattibilità e time to market che riceveranno un premio pari a 10.000 euro ciascuno.

Alla presentazione di LiFE a Bari, ha partecipato anche Manuela delli Carri, Ceo della startup Leb World, una giovane imprenditrice che ha raccontato la sua esperienza dopo avere partecipato, nei mesi scorsi, a un programma di accelerazione organizzato dalla Fondazione Emblema e che ha ricevuto un finanziamento grazie a Smart&Start Italia, l'incentivo di Invitalia che sostiene la nascita e la crescita delle startup innovative. 

“Partecipare a un percorso di accelerazione - ha sottolineato delli Carri - è una grande occasione per accrescere le proprie competenze e capacità, spero che la mia esperienza possa essere un esempio per le startup che parteciperanno a questo progetto virtuoso”.

All’incontro hanno partecipato anche Grazia Paola Nicchia, prorettrice dell'Università di Bari e Giulia Zanotti, project manager di Invitalia.