In Spagna 812 persone sono morte con coronavirus nelle ultime 24 ore. Lo riporta El Mundo, sottolineando come il bilancio pesantissimo sia comunque leggermente inferiore rispetto a quello diffuso ieri (838 vittime). I casi confermati sono 85.195. In totale sono 7.340 le vittime in Spagna da quando il ministero della Sanità ha iniziato a registrare i decessi di pazienti con coronavirus.

La regione di Madrid, sottolinea ancora El Mundo, resta la più colpita con un bilancio di 3.392 morti e 24.090 casi registrati di Covid-19. I dati riportati dal giornale parlano anche di 16.780 persone guarite in tutto il Paese. Sono invece 5.231 le persone ricoverate in terapia intensiva.

Anche la Spagna ha dunque superato la Cina nei dati sui casi confermati di coronavirus.

Continuano a salire in Spagna anche i dati relativi a medici e infermieri che si sono ammalati. "Risultano contagiati 12.298 operatori sanitari", ha detto María José Sierra, del Centro spagnolo per il coordinamento delle emergenze sanitarie, citata da El Pais. Tra questi, ha puntualizzato, l'85% si trova a casa e le loro condizioni "evolvono in modo favorevole".

Tra i contagiati c'è anche Fernando Simón, responsabile del Centro spagnolo per il coordinamento delle emergenze sanitarie. Lo scrive El Mundo. Secondo Rtve, si attenderebbe invece una conferma del risultato "possibile positivo" arrivato questa notte dopo i test. Simón, 57 anni, è stato fino ad oggi il 'volto' dell'emergenza in Spagna, fornendo quotidianamente dati sulla pandemia. Oggi, scrive il giornale, sarà sostituito da María José Sierra. Simón è noto anche per aver gestito nel 2014 l'emergenza ebola, quando un'infermiera risultò positiva dopo aver seguito un missionario spagnolo tornato in patria ammalato."Fernando Simón è risultato positivo", ha nel frattempo confermato María José Sierra del Centro spagnolo per il coordinamento delle emergenze sanitarie, citata dai media locali. Domenica Simón ha avuto un picco di febbre, ma "sta molto bene" ed è in isolamento, ha precisato Sierra.