Operazione "precisa e mirata" delle forze di difesa israeliane dalla notte "in un'area specifica" dell'ospedale al-Shifa di Gaza City . Il biltz contro Hamas è stato effettuato "sulla base di informazioni di intelligence e di una necessità operativa". A spiegarlo sono le Idf in una nota, che continua: "Stiamo conducendo un'operazione di terra a Gaza per sconfiggere Hamas e salvare i nostri ostaggi. Israele è in guerra con Hamas, non con i civili di Gaza".

"Le forze dell'Idf - si legge ancora - includono squadre mediche e persone di lingua araba che hanno seguito una formazione specifica per prepararsi a questo ambiente complesso e sensibile, con l'intento che non venga causato alcun danno ai civili utilizzati da Hamas come scudi umani".

Nelle ultime settimane, spiega ancora il comunicato, "l'Idf ha pubblicamente avvertito più e più volte che il continuo uso militare dell'ospedale di Shifa da parte di Hamas mette a repentaglio il suo status protetto dal diritto internazionale, e ha concesso tutto il tempo necessario per fermare questo abuso illegale dell'ospedale. Ieri l'Idf ha comunicato ancora una volta alle autorità competenti di Gaza che tutte le attività militari all'interno dell'ospedale devono cessare entro 12 ore. Sfortunatamente - scrivono le forze di difesa israeliane -, non è successo".

L’Idf, si legge quindi, "ha inoltre facilitato evacuazioni su larga scala dell’ospedale e ha mantenuto un dialogo regolare con le autorità ospedaliere". Poi l'ultimatum: "Invitiamo tutti i terroristi di Hamas presenti nell'ospedale ad arrendersi".

Non ci sono indicazioni, per il momento, che all'interno dell'ospedale siano detenuti ostaggi rapiti lo scorso 7 ottobre da Hamas in Israele, affermano itanto le Idf, aggiungendo di ritenere che l'operazione potrebbe fornire informazioni di intelligence sugli ostaggi. In una nota, le Idf spiegano che ''non c'è stato alcun attrito'' tra le truppe, i pazienti e il personale medico dell'ospedale Shifa durante l'operazione in corso.

Tank israeliani nel complesso

I carri armati israeliani sono quindi entrati nel complesso ospedaliero, ha riferito alla Cnn un giornalista dell'agenzia palestinese Wafa. “Possiamo vedere i cannoni dei carri armati puntati verso l’ospedale. Non siamo sicuri se i soldati siano negli edifici, ma sono all'interno del complesso nei carri armati", ha detto Khader Al Za'anoun.

Ci sono stati scontri a fuoco in tutto il cortile e alcune finestre di uno degli edifici erano rotte, ha aggiunto Al Za'anoun. Centinaia, fra personale e pazienti, sono ancora ad al Shifa, secondo i rapporti più recenti provenienti dall'ospedale, insieme a diverse migliaia di persone che hanno cercato rifugio dall'offensiva aerea e terrestre di Israele.

Interrogati medici, perquisizioni stanza per stanza

I soldati delle Forze di difesa stanno quindi interrogando il personale medico e paramedico oltre ai pazienti all'interno dell'ospedale e hanno chiesto a tutti di trasferirsi nel cortile in vista dell'evacuazione del complesso medico. Lo riporta l'emittente al-Jazeera, aggiungendo che non è chiaro dove verrebbero trasferite le persone evacuate.

I soldati hanno fatto irruzione nel pronto soccorso, nel reparto di chirurgia specializzata e nel reparto di maternità, riferisce al-Jazeera, aggiungendo che le Idf stanno ''perquisendo stanza per stanza, corridoio per corridoio''.

Hamas accusa Usa: "Via libera a Israele per nuovi massacri"

Secondo una dichiarazione di Hamas, sia Israele che gli Stati Uniti sono responsabili del raid dell'esercito israeliano nel più grande ospedale di Gaza. L'attacco all'Al-Shifa costituisce anche un fallimento da parte delle Nazioni Unite nella difesa dei palestinesi, ha affermato l'organizzazione islamista, precisando che "il silenzio dell'Onu e il tradimento di molti paesi e regimi non dissuaderanno il nostro popolo palestinese dall’aggrapparsi alla propria terra e ai propri legittimi diritti nazionali".

Hamas sostiene che gli Stati Uniti hanno dato a Israele “il via libera per commettere ulteriori massacri contro i civili”, avallando la “falsa narrativa” di Israele, secondo cui il gruppo islamista sta usando l’ospedale di Al-Shifa come base di comando e controllo.

Ieri, la Casa Bianca e il Pentagono hanno affermato che Hamas sta immagazzinando armi e gestendo un centro di comando dall'ospedale Al-Shifa. Le osservazioni hanno fatto eco a quelle di Israele, che i funzionari ospedalieri palestinesi e Hamas hanno costantemente respinto.

Idf consegna incubatrici e alimenti per bambini in ospedale

Incubatrici per neonati, alimenti per bambini e forniture mediche sono state portate dai carri armati delle Forze di difesa israeliane (Idf) da Israele alla Striscia di Gaza e sono state consegnate all'ospedale al-Shifa. E' quanto si legge in una nota diffusa dall'Idf, che aggiunge che ''squadre mediche e soldati di lingua araba sono sul posto per garantire che queste forniture raggiungano chi ne ha bisogno''.

Cisgiordania, Idf arrestano leader Hamas. Distrutto monumento Arafat

Le forze di difesa israeliane hanno intanto arrestato il leader di Hamas Hussein Abu Queiq a Ramallah. Lo riferisce il portale Quds con riferimento a fonti locali, secondo cui l'esponente del gruppo islamista è stato fermato durante un raid nella città di Al-Bira in Cisgiordania.

L'esercito israeliano non ha ancora annunciato l'arresto di Abu Queiq. In passato, sia Israele che l'Autorità Nazionale Palestinese lo avevano ripetutamente detenuto e arrestato per le sue attività con Hamas.

Bulldozer israeliani hanno intanto distrutto il monumento al leader palestinese Yasser Arafat a Tulkarem, in Cisgiordania. Lo scrive al Jazeera, mostrando un video su X.