L'Iran minaccia di attaccare i siti nucleari di Israele se lo Stato ebraico risponderà al recente attacco di missili e droni da Teheran. Lo riferisce la Tass citando il corpo delle Guardie della Rivoluzione islamica, i Pasdaran. ''Una revisione della nostra dottrina e politica nucleare, nonché delle considerazioni precedentemente comunicate, è del tutto possibile'', ha detto il comandante della divisione di difesa e sicurezza nucleare Ahmad Haghtalab, secondo il quale Teheran ha determinato l'ubicazione dei "centri nucleari" israeliani ed è pronta a distruggerli in caso di aggressione

Fonti Usa: "improbabile" attacco Israele prima di fine Pasqua ebraica

È improbabile che Israele effettui un attacco contro l'Iran prima della fine delle celebrazioni della Pasqua ebraica, che iniziano nella serata di lunedì 22 aprile e si concluderanno nella serata del 30. A riportare la notizia, attribuendola ad un alto funzionario statunitense, è AbcNews. La stessa fonte citata dall'emittente parla di uno stato di massima allerta in Iran per il rischio di un attacco.

Preparativi risposta israeliana avviati e sospesi due volte

Sempre secondo quanto riferito ad AbcNews da tre fonti israeliane, Tel Aviv ha avviato, quindi interrotto i preparativi per l'attacco di rappresaglia contro l'Iran in almeno due occasioni nelle notti della scorsa settimana. Il gabinetto di guerra israeliano ha valutato una serie di risposte, dall'attacco ai 'proxy' iraniani nella regione, ma non sul suolo iraniano, a un potenziale attacco informatico, hanno riferito le stesse fonti ad Abc.

Il ruolo degli Usa

Intanto secondo quanto scrive la pubblicazione qatarina Al-Araby Al-Jadeed, citato dal Times of Israel, attribuendo la dichiarazione ad un funzionario del Cairo, gli Stati Uniti avrebbero accettato il piano israeliano per un'operazione a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, in cambio della rinuncia da parte dello stato ebraico a sferrare un attacco di ampia portata in Iran per rappresaglia contro l'attacco iraniano a Israele.

"L'amministrazione americana ha mostrato di accettare il piano precedentemente presentato dal governo di occupazione per quanto riguarda l'operazione militare a Rafah, in cambio della rinuncia a un attacco su larga scala contro l'Iran", scrive Al-Araby Al-Jadeed, citato dal Times of Israel, attribuendo la dichiarazione ad un funzionario del Cairo, secondo il quale sarebbero in corso i preparativi per consentire all'Egitto di far fronte a qualsiasi possibile impatto della prevista operazione.

Sanzioni Usa e Ue contro Iran

Joe Biden ha annunciato "nuove sanzioni e misure di controllo dell'export" contro l'Iran dopo l'attacco contro Israele, misure che andranno a colpire in modo particolare i programmi di produzione di missili e droni. "Le sanzioni prendono di mira leader e entità collegate alle Guardie rivoluzionarie iraniane, il ministero della Difesa iraniano e il programma del governo per i droni e i missili che ha permesso lo spudorato attacco", si legge in una dichiarazione diffusa dalla Casa Bianca. "I nostri alleati e partner hanno già annunciato o annunceranno sanzioni aggiuntive e misure per limitare i programmi militari destabilizzanti dell'Iran", ha aggiunto il presidente americano ricordando la discussione avuta "con gli altri leader del G7 la mattina dopo l'attacco, siamo impegnati ad agire in modo collettivo per aumentare la pressione economica sull'Iran".

"Durante la mia amministrazione - ha aggiunto Biden - gli Stati Uniti hanno sanzionato oltre 600 individui ed entità, compreso l'Iran, i suoi proxies, Hamas, Hezbollah, gli Houthis e Kataib Hezbollah. E continueremo. Ho dato indicazioni al mio team, compreso il dipartimento del Tesoro, di continuare ad imporre sanzioni per degradare ulteriormente le industrie militari iraniane". "Voglio essere chiaro con chi aiuta o sostiene gli attacchi dell'Iran - conclude Biden - gli Stati Uniti sono impegnati per la sicurezza di Israele e del nostro personale e partner nella regione. E non esiteremo ad adottare tutte le misure necessarie per mettervi davanti alle vostre responsabilità".

Anche nel Consiglio Europeo è stato deciso di "mettere in atto sanzioni contro l'Iran" per l'attacco lanciato contro Israele. "E' un segnale chiaro che vogliamo lanciare". , ha detto il presidente Charles Michel, a Bruxelles al termine della prima giornata di lavori del summit. "Riteniamo che sia molto importante interagire con i Paesi della regione per isolare l'Iran - continua - in modo da tentare di sostenere un processo di pace. Sosteniamo la sicurezza di Israele". Per Michel "l'idea è quella di prendere di mira le aziende che producono droni e missili", ma sono idee che verranno sviluppate "dal Consiglio" Ue, a livello quindi di ministri degli Esteri.

Il sistema di sanzioni per fermare l'export verso l'Iran di componenti per la produzione di droni e missili esiste già dal luglio 2023. "Dobbiamo rivedere questo sistema in modo da allargarlo e renderlo più efficiente", ha dichiarato dal canto suo l'Alto rappresentante per la politica estera dell'Ue, Josep Borrell, nel corso di un punto stampa a Capri, dove è in corso il G7 Esteri.

Nyt, Israele ha calcolato male risposta Iran ad attacco Damasco

Israele ha calcolato male la risposta che l'Iran avrebbe dato all'attacco che ha distrutto il consolato di Teheran a Damasco. E questo errore di calcolo potrebbe causare la tanto temuta escalation nella regione. Lo scrive il New York Times citando diversi funzionari americani coinvolti in discussioni ad alto livello dopo l'attacco e un alto funzionario israeliano. ''Gli israeliani hanno commesso un grave errore di calcolo pensando che l'Iran non avrebbe reagito con forza'', afferma il quotidiano.

Il New York Times scrive che i funzionari statunitensi erano arrabbiati per essere stati informati solo pochi minuti prima dell’attacco israeliano a Damasco e per il fatto che non era stato comunicato loro il suo significato. Due funzionari israeliani hanno riferito al New York Times che i piani per l'attacco erano iniziati due mesi prima che fosse portato a termine e che è stato approvato dal gabinetto di guerra il 22 marzo.