BERLINO. Altro colpo di scena. Lufthansa sapeva: la compagnia aerea tedesca, holding di Germanwings, era a conoscenza di almeno un «grave episodio depressivo poi rientrato» patito da Andreas Lubitz nel 2009. Il copilota 27enne che ha fatto schiantare il volo 4U9525 uccidendo 149 persone, circa sei anni fa aveva informato via mail la scuola di volo Lufthansa delle sue difficoltà di natura psicologica. Ed è la stessa compagnia a rendere nota la circostanza, confermando le notizie emerse nei giorni scorsi. Lubitz aveva interrotto «per diversi mesi» la sua formazione di pilota per motivi di salute. E al termine di quella sospensione era stata «confermata l’abilitazione medica necessaria al volo», si legge in una nota.