Aleksei Navalny è stato condannato a 3 anni e 5 mesi di carcere al termine di un processo lampo in cui è stato accusato di aver violato sistematicamente i termini della libertà condizionale.

Dato che Navalny, nel quadro del caso Yves Rocher del 2014, aveva già trascorso circa dieci mesi agli arresti domiciliari, il periodo che trascorrerà in carcere è di due anni e otto mesi.

Il gruppo che fa capo a Navalny ha chiesto a tutti i sostenitori dell'oppositore di radunarsi "immediatamente" sulla Piazza del Maneggio, accanto al Cremlino, in reazione alla condanna.