Dopo i risultati dei ballottaggi per le elezioni Comunali 2022, "occorre parlarsi, occorre parlarsi subito per fermare le polemiche e ricordarsi che l'avversario è sempre la sinistra e mai il partito alleato. Basta litigi, a partire dalla Sicilia, perché non possiamo rischiare di mettere a repentaglio il risultato delle elezioni politiche''. Lo dice Giorgia Meloni in un video messaggio postato sui social a commento del ballottaggio alle amministrative. La leader Fdi chiederà quindi "a Matteo Salvini e Silvio Berlusconi di vederci il prima possibile per evitare ulteriori divisioni''.

''Trovo curiosa, ad esempio, la polemica continua da parte degli alleati sul mancato apparentamento a Verona con tanto di attacchi al sindaco di centrodestra a urne aperte, mentre a Catanzaro Fdi sosteneva lealmente un candidato che pure ci aveva negato l'apparentamento. Se sei tu il primo a dire che si perde è difficile che gli elettori crederanno nella vittoria'', rimarca Meloni. La leader di Fdi ha citato la vittoria di Lucca dove il centrodestra era unito: ''A Lucca, ad esempio, dove eravamo uniti siamo riusciti ad aggregare anche liste civiche di varia estrazione e abbiamo vinto. E sono contenta che proprio a Lucca, come a Pistoia a l'Aquila e in molte altre città dove il centrodestra ha vinto o a riconfermato i sindaci, Fdi abbia trainato la coalizione, ma non basta: occorre parlarsi, parlarsi subito per fermare le polemiche'', ribadisce.

"Non siamo soddisfatti del risultato di questi ballottaggi, il centrodestra -certo - poteva fare meglio...'', aggiunge Meloni, che sottolinea: ''Il dato complessivo delle amministrative, visto che il Pd festeggia, ci obbliga a riportare Letta sul pianeta terra. Il centrosinistra e i Cinque Stelle governavano 56 Comuni, oggi ne governano 53. Il centrodestra governava 54 Comuni, oggi ne governa 58. La sinistra perde più della metà delle grandi città al voto e si ritrova con meno sindaci di prima: dov'è la vittoria di Enrico Letta?", si chiede.

''Se la sinistra è così convinta di aver vinto'', avverte la leader di Fdi, ''allora non avrà problemi a tornare subito alle politiche per confrontarsi... Certo, questi dati molto diversi da quelli sbandierati non ci bastano per festeggiare''.